giovedì 13 luglio 2017

I Miei Anni '90

Torno a scrivere e lo faccio con un post assolutamente leggero, ho finalmente un pochino di tempo per farlo e visto che molti bloggers che seguo hanno già partecipato all'iniziativa nata da questo post di MikiMoz mi sono detto "perchè non farlo anch'io?".
L'unica differenza è che parlerò degli anni '90, dal momento che essendo nato alla fine degli '80 potrei dire veramente molto molto poco di quel periodo, e poi comunque ho visto che in tantissimi hanno già fatto questa "variazione sul tema" quindi mi accodo e mi faccio le regole da solo :) Spero possa essere un modo simpatico per continuare a conoscerci sempre meglio, o almeno una lettura non spiacevole per chi vorrà affrontarla ^^

MUSICA: Gli anni '90, almeno per me, musicalmente avevano due soli nomi: 883 e Queen. Entrambe passioni ereditate da mio cugino Massimo, più grande di me di una decina d'anni, che abitava nella casa a fianco della mia e con cui quindi trascorrevo tantissimo tempo: gioco-forza ho ascoltato a ripetizione sia i primissimi pezzi dell'allora emergente Pezzali che i meravigliosi brani di Freddie Mercury. Ovviamente parliamo di due mondi per sonorità diversissimi, però per motivi diversi il fascino della voce perfetta del frontman dei Queen e le loro sonorità si sposavano comunque bene, almeno all'interno del mio mondo, coi brani più "terra terra" del buon Max, il cui pregio principale a mio avviso era l'essere particolarmente capace di descrivere con testi mai banali le emozioni dei ragazzi della sua generazione, al di là della vocalità. Insomma, se Freddie era la perfezione vocale, oltretutto cantando in una lingua per me ancora sconosciuta all'epoca, gli 883 erano invece quanto di più comprensibile ci fosse, e in molti dei loro pezzi, crescendo, non di rado riconoscevo questa o quella situazione della mia vita.
Ricordo ancora perfettamente l'enorme bandiera raffigurante Freddie sul palco durante un concerto di fine anni '80, comprata a Castel Sant'Angelo e appesa per anni nella mia camera, come pure la primissima musicassetta ("La dura Legge del Gol") e il primissimo CD ("Gli Anni") degli 883 comprati coi miei soldini, quando si pagava in lire ^^

CINEMA: Del cinema in quegli anni non ho tantissimi ricordi, principalmente andavo a vedere cartoni animati della Disney con mia mamma. Anche se avevo tantissime videocassette a casa, quindi decisamente più spesso li vedevo lì. Ho però un ricordo estramamente nitido, del 1996, quando andai a vedere "Space Jam", il film dei Looney Tunes con Michael Jordan. Credo di ricordarlo così bene perchè è stato il primo (e unico) film che ho visto con mio padre. Ricordo che venne a prendermi alla scuola elementare, prima dell'uscita normale (io facevo fino alle 16:30, il tempo pieno), e che ero tanto emozionato perchè non era mai capitato, e perchè all'epoca volevo tanto che mi volesse bene e soprattutto non lo vedevo davvero mai (come poi è stato per tutta la mia vita). Mi ricordo anche che mi prese la bomboniera gelato e che poi mangiammo un panino da Burghy, e c'era la sorpresina proprio del film Space Jam. E va be...

FILM: Nettamente "Ritorno al Futuro". Il mio film preferito, ne ho parlato qui tante e tante volte, in differenti occasioni. Ho davvero divorato le cassette con la saga completa, successivamente ho comprato anche diversi cofanetti DVD, oltre a gadget, memorabilia ecc... Poi si, ricordo anche altri film dell'epoca, pure molto belli, ma per distacco non può che vincere la trilogia di Spielberg, mi ricordo che giocavamo anche a scuola, alle elementari, ad inventarci viaggi nel tempo in cui cambiare la storia... Un film che è davvero entrato nella mia vita e nel mio cuore, ed una passione che spero quindi di condividere e soprattutto di saper trasmettere, quando sarà, a chi verrà... :)

COMICS: In quegli anni ho letto con grande piacere il manga di "Dragon Ball", fu una lettura molto appassionante, ricordo benissimo le serate con la lucina accesa per scoprire come evolveva la (lunghissima) storia. Ho letto anche "Capitan Tsubasa", ovvero la versione giapponese del cartoon "Holly e Benji", poi "I Cavalieri dello Zodiaco" e diversi altri titoli.

GIOCHI: Ricordo di essere stato un appassionato fan di "Forza 4" e di "Indovina Chi", come pure del "Trivial Pursuit", dei giochi della Sapientino e affini.

VIDEOGAMES: Amiga 500 e Commodore 64, di proprietà di mio fratello, furono alla base della mia storia da video-gamers. Poi arrivarono altre e più performanti console, ricordo distintamente la primissima PlayStation, alla fine degli anni '90, con il gioco di calcio "Winning Eleven" rigorosamente in giapponese, ma bellissimo ^^ Da lì è iniziata la mia fase "tossica" per questo tipo di saghe calcistiche, ma almeno avevo un certo talento e mi ha garantito, negli anni 2000 però, tante ore di divertimento con gli amici cui, ancora oggi, mi capita con nostalgia di ripensare.
Ah, al pc poi ero molto appassionato di due giochi in particolare: "Scudetto", ovvero il manageriale di calcio che poi è diventato "Championship Manager/Football Manager" (dove Maurizio Ganz segnava a raffica ^^) e soprattutto il game rompicapo "Monkey Island", un gioco secondo me meraviglioso e mentalmente stimolante ambientato nel mondo dei pirati, che ho giocato in tutte le versioni successive.

TELEVISIONE: Della tv ricordo diversi programmi "culto", da "Scherzi a parte" a "La sai l'ultima?", passando per "Paperissima" o "Forum". Poi ricordo che mi piaceva vedere "Che fine ha fatto Carmen Sandiego" nel fine settimana, credo fosse all'interno di un contenitore mattutino su RaiDue, era un programma dove bisognava investigare svelando dei misteri, e si potevano vincere viaggi in tutto il mondo. Mi piaceva poi guardare lo sci con mio nonno, erano gli anni di Alberto Tomba e Deborah Compagnoni, e lui era davvero molto appassionato, quindi ero felice di trascorrere del tempo con lui anche in questo modo.

CIBO: Io ho sempre mangiato tutto ^^ Ricordo particolare dell'epoca non può che essere legato al Nesquik, di cui andavo matto, come pure agli ovetti Kinder dei quali collezionavo le sorpresine, agli Yoyo della Motta, alle merendine Kinder Fetta al Latte ecc... In generale, quindi, ricordo come credo è anche normale che sia il "reparto dolci", anche se mi vengono in mente anche le pizzette che faceva in casa mia nonna, e che tanto mi piacevano.

LIBRI: Il libro che meglio ricordo, letto sul finale degli anni '90, è quello che racconta la storia del soldato Ryan, da cui poi è stato ripreso l'omonimo film con Tom Hanks: lo trovai veramente interessante, avvincente, coinvolgente. Prima... ricordo i libri per bambini, molti gialli e molte storielle a lieto fine.

SHOPPING: Beh, a quell'età di shopping ne facevo poco, o meglio, lo facevano di fatto altri per me ^^ Anche se mi lasciavano molta scelta ed infatti ricordo una felpa in particolare che utilizzavo molto spesso, o le prime magliette sportive cui ero tanto legato, anche perchè all'epoca praticavo diversi sport quali basket, pallavolo e calcio. Perciò non ho ricordi particolari di uno shopping da me auto-finanziato, se non appunto i già citati acquisti di musicassette e CD degli 883.

LOOK: Oggi porto i capelli abbastanza corti, non cortissimi ma comunque sempre mai oltre una certa lunghezza (infatti a breve dovrò ri-tagliarli, ma questo c'entra poco ^^). All'epoca, invece, li tenevo decisamente più lunghi, soprattutto poi nel periodo delle scuole medie, quando avevo anche la riga al centro ^^ Poi ho cambiato strada, però ho qualche foto del periodo e mi fa sempre sorridere rivederle. Per il resto, ho sempre vestito abbastanza uguale nel tempo, indossando cose non troppo strette nè particolarmente sgargianti come colori.

LIFE: Di sicuro erano anni sereni, spensierati, davvero leggeri. Pieni poi d'amore, di persone che oggi non ci sono più e che invece all'epoca erano costantemente con me, di risate, di... cose belle, sostanzialmente. Ho trascorso una bellissima infanzia, al di là del discorso legato al mio padre biologico non posso lamentarmi di nulla, e credo che tutta la serenità che chi mi amava e ancora oggi ama mi ha dato sia stata determinante per rendermi come sono. Ho poi tanti ricordi di amicizia, di attività sportive, di viaggi con la famiglia... anche qui, tutto molto bello.

RICORDO DELL'EPOCA: Difficile sceglierne uno, veramente. Potrei dire i momenti con nonna, perchè li ricordo tutti e perchè sono un qualcosa di estramemente dolce e puro che... anche solo ripensarci un momento mi fa stare bene, mi ricorda quanto mi faceva sentire amato, quanto mi ha insegnato, quanto ci divertivamo insieme. Oggi, però, voglio citarne anche un altro, e cioè quando Walter veniva a prendermi a scuola: tutti i giorni, dalle elementari fino alle medie, lui era lì, mi aspettava, mi faceva ridere, mi riportava a casa e poi dopo i compiti a giocare in parrocchia o al vicino parco. Oggi, per motivi che non dirò, voglio fare questa menzione speciale, per ricordare non tanto a lui quanto a me stesso che l'amore è qualcosa di immenso, che va oltre la biologia, il DNA ed i cognomi. Ecco, proprio sulla base di questa riflessione, io comprendo tantissimo di quanto sto vivendo oggi, di quel che ho fatto e sto facendo, di ciò che il mio cuore mi fa sentire, provare, in questo periodo dove, forse, posso riuscire a "rendergli" indietro un pochino del tantissimo che lui ha dato a me.
Come foto finale del ricordo, perciò, utilizzo questa fatta nel nostro primo viaggio assieme, all'Italia in Miniatura. L'ho sfocata di proposito perchè come sapete non amo condividere mie fotografie, e anche un po' per poter, così, conservare il ricordo solo per me.


Alla prossima... :)

4 commenti:

  1. Grande Mauri, vediamo allora i tuoi anni '90!

    Queen e 883, direi che ci siamo! Gli 883 da un punto di vista artistico sono rasoterra, ma come abbiamo sempre detto, hanno saputo descrivere in modo "terra terra", ma efficace, una generazione. E ancor'oggi qualche canzone è ancora attuale dal punto di vista sociologico!

    Struggente il ricordo di tuo nonno e quello legato a Space Jam...io invece di questo film ricordo che lo vidi in televisione, ma non mi entusiasmò più di tanto. Ma non ero patito di Basket e neanche troppo dei LooneyToons (tranne Will il Coyote che è un mito). Caspita quindi avevi fatto il viaggio a Rimini all'Italia in Miniatura...io non ci sono mai stato anche se abito a 45 minuti di auto :D. Ma da piccolino feci la gita a Fiabilandia e mi divertii molto.

    I manga che citi sono gli stessi che ho letto io: Cavalieri dello Zodiaco e Dragonball (ma io solo lo Z) a scrocco, Capitan Tsubasa l'ho invece collezionato tutto!

    Indovina chi, eh beh, qui altra cosa che ha caratterizzato l'infanzia di entrambi. Come l'Amiga e il Commodore.

    GRANDISSIMO Championship Manager! Non ai livelli di Pc Calcio, ma comunque divertente. Io ho giocato alle versioni '95-'96, '96-'97 e '98-'99; non ricordo se nella seconda o terza, una volta al Milan avevo acquistato un portiere inventato (quei giocatori che escono fuori in sostituzione di quelli veri che si ritirano): Marco Stroppa, il portiere più forte della galassia. Era giovane, ma mostruosamente bravo.

    Anche io ho portato i capelli lunghi, ma tra il 2009 e il 2011. Riguardo le foto dell'epoca con il sorriso :D. Adesso invece sono sempre più o meno corti, in estate cortissimi per comodità e per non sentire più caldo di quello che si può sentire :D.

    RispondiElimina
  2. Non mi ci metto neanche a descrivermi. Sono dei tempi di Elvis Presley, Sinatra e compagnia bella. Per i film poi ne ho visti talmente tanti nei pochi cinema di Venezia che non mi ricordo quale possa essermi piaciuto di più. Bel post e buona settimana.

    RispondiElimina
  3. Sono nata agli albori degli anni '90 ma ricordo molto bene alcune cose che hai scritto, come gli 883, Sarabanda, La sai l'ultima, Space Jam, ect ma soprattutto mi è partito il "momento nostalgia" quando hai parlato del Commodore di tuo fratello: io al mio rubavo il Nintendo per giocare a Super Mario!

    RispondiElimina